IN ITALIA LA MUAY THAI FIMT-FIKBMS-IFMA E IL LEADER DEL SETTORE “UBI MAIOR MINOR CESSAT”

IN ITALIA LA MUAY THAI  FIMT-FIKBMS-IFMA E IL LEADER DEL SETTORE

“UBI MAIOR MINOR CESSAT”

(dove è presente chi ha maggior autorità,cessa il potere di chi è inferiore)

 

Ci risiamo, purtroppo dobbiamo ricordare alle società sportive che ancora non si sono affiliate e a quelle piccole organizzazioni che pensano di fare gare di Muay Thai nonostante siano in grado di combinare solo pochi match, senza neppure avere alcuno sbocco internazionale di riferimento reale, che in Italia, la Leadership del settore Muay Thai ce l’hanno i sottoscritti rappresentanti di FIMT-FIKBMS-IFMA le quali stanno aumentando sempre di più il numero di società sportive, e di eventi di sola Muaythai che dall’inizio dell’anno sportivo sono arrivati quasi a trenta.

 

Scrivere queste cose per Me è molto avvilente, perché penso che in una Nazione normale, ritenuta tale, tutti dovrebbero lottare ed intensificare la voglia di poter entrare a far parte di una Nazionale Italiana per la quale dovremmo avere un grande attaccamento così come per la nostra BANDIERA TRICOLORE.  Penso che a prescindere del tipo di sport  praticato, sentire suonare l’inno di Mameli è la cosa più bella e commovente che ci può essere, e invece si leggono su i social delle nefandezze contro chi sta cercando di unire tutta la Muaythai sotto un’unica bandiera.

 

A breve sapremo se verremmo riconosciuti come Disciplina Olimpica dal CIO (Comitato Internazionale Olimpico) ed inseriti nel programma Olimpico, ma l’invidia è una brutta bestia che crea una squallida competizione a cui NOI evitiamo di partecipare in quanto la riteniamo inesistente, proprio per il fatto che, e qui mi ripeto, “NOI NON ABBIAMO CONCORRENTI!” Semplicemente perché solo Noi possiamo offrire un circuito dilettantistico Internazionale VERO con oltre 120 Nazioni, dove vi partecipano i più forti atleti del pianeta e questa è  L’IFMA, “FATEVENE UNA RAGIONE”

 

Quale organizzazione In Italia può offrire in campo internazionale qualcosa che somigli minimamente a IFMA? NESSUNA, e questo lo sanno tutti! Ma nonostante ciò questi pseudo concorrenti non vogliono mollare l’osso, solo per una questione di “FALSO EGO” che tradotto vuol dire: malattia di essere il controllore Supremo. Pertanto vi consigliamo di mettervi l’anima in pace e fare un passo indietro proprio per far sì che tutti quanti, quindi compresi voi, possiate fare un passo avanti al fianco di chi vuole il bene della Muay Thai in Italia.  Ci appelliamo anche a quelle persone che ahimè si fanno incantare, non si sa come e con che tipo di sortilegio, visto che oltre la triade FIMT-FIKB-IFMA non c’è futuro e non ci sono progetti reali e costruttivi per il futuro. E’ una cosa questa che per noi resta un mistero.

Ricordatevi sempre, in qualsiasi sport, le medaglie conquistate alle Olimpiadi, ai Mondiali o agli Europei rimangono cucite sulla pelle e rimarranno nella Storia. Invece gli eventi o i gala, servono a coronare il desiderio ed il sogno di molti atleti e sono bellissimi e spettacolari e danno un po’ di popolarità, ma aggiungo “Temporanea!”

 

NEWS

 

PREPARATEVI a breve vi comunicheremo e pubblicheremo una bellissima notizia bomba per il piacere di tutti gli appassionati degli sport da combattimento, ma meno bella per quei pochi che continuano imperterriti ad ostacolare e ad invidiare questo progetto di unificazione e sviluppo ormai iniziato ed in procinto di non arrestarsi. Nel settore Muay Thai, (ma forse è meglio chiamarla Specialità o Disciplina) aumenteremo le commissioni che invece di 18 diventeranno 19. Cercate di resistete fino a fine ottobre, se non ci riuscite a resistere ve la daremo prima!

 

 

 

By Mauro Bassetti